CODICE ETICO

Il presente Codice Etico (di seguito, indicato anche solo come “Codice”) costituisce l’insieme dei valori fondanti, dei principi e delle norme comportamentali che indirizzano l’opera di Hangar Design Group sul mercato ed esprime gli impegni e le responsabilità etiche assunte da tutti coloro che sono parte attiva.

1. Destinatari del Codice Etico

Il Codice Etico deve essere osservato in tutte le attività e in tutti i comportamenti in ambiente lavorativo da Partners, Dipendenti e Collaboratori di Hangar Design Group, che si impegnano moralmente a diffonderne i valori e a garantire la loro applicazione.

2. Principi Generali

Il presente Codice definisce le linee guida e i doveri generali che è necessario assumere

quotidianamente per garantire un operato diligente, preciso e leale di tutte le parti attive che collaborano con Hangar Design Group, nonché il suo regolare funzionamento e la sua gestione aziendale.

Il Codice Etico mira a migliorare l’efficienza e la correttezza dei rapporti interni ed esterni all’azienda, al fine di consolidarne il buon nome e di ottimizzare tutte le attività aziendali, a beneficio economico e di immagine, sulla base dei seguenti criteri imprescindibili:

• criterio di qualità, che deve porsi alla base di ogni risultato, il quale deve essere ottenuto sfruttando competenze tecniche e professionali e ricorrendo agli standard progettuali e operativi più elevati;

• criterio di personalizzazione, che definisce i rapporti con i clienti, ai quali devono essere garantite soluzioni su misura, che tengano conto delle loro aspettative e delle peculiarità dei loro business e/o progetti;

• criterio di disciplina ed etica professionale, principi ai quali è necessario attenersi nella conduzione del proprio lavoro quotidiano.

• criterio di innovazione, che si realizza nella ricerca e applicazione di soluzioni capaci di generare rinnovamento e progresso;

• criterio di autonomia, che guida ogni attività aziendale, la quale non deve essere vincolata da pregiudizi e/o costrizioni, purché rispetti la legge e le norme ivi descritte.

Hangar Design Group si impegna altresì a rispettare la personalità e la professionalità di

ogni Consiglio di Amministrazione, Partner, Dipendente, Collaboratore e Consulente, purché in linea con le norme e i valori ivi elencati.

3. Onestà e svolgimento degli incarichi assegnati

Consiglieri di Amministrazione, Partners, Dipendenti, Collaboratori e Consulenti di Hangar Design Group sono tenuti ad essere diligenti, efficienti, corretti, leali e onesti nello svolgimento degli incarichi professionali quotidiani, nell’utilizzo degli strumenti resi disponibili dall’azienda e nello sfruttamento del tempo a disposizione, in conformità con le disposizioni di legge, le norme indicate nel presente Codice e gli obiettivi che l’azienda si pone. È vietato il loro coinvolgimento in qualsiasi attività illegale o in azioni che possano screditare l’immagine e il buon nome di Hangar Design Group.

4. Rappresentatività

La reputazione, il prestigio e l’immagine di Hangar Design Group devono sempre essere tutelati, non solo offline, ma anche online e, in particolare, sui social media, perché sono valori fondanti che permettono all’azienda di instaurare e mantenere rapporti di fiducia con nuovi e vecchi clienti. Ciò non si limita all’ambiente professionale, ma Consigli di Amministrazione, Partners, Dipendenti, Collaboratori e Consulenti sono invitati a tenere un comportamento extra-lavorativo che sia rispettoso e non offensivo per la sensibilità civile, al fine di non complicare i rapporti interpersonali e di non diffondere notizie o elementi che siano lesivi dell’immagine stessa dell’azienda.

5. Competenza

Consigli di Amministrazione, Partners, Dipendenti, Collaboratori e Consulenti di Hangar Design Group sono tenuti a sfruttare il più ampiamente possibile le proprie competenze, conoscenze ed esperienze, che dovranno essere aggiornate in modo costante, al fine di incrementare la qualità delle attività lavorative offerte e di affinare la propria personale professionalità.

7. Conflitto di interessi

A Dipendenti e Collaboratori è vietato svolgere attività lavorative che favoriscano la concorrenza, in particolare assumendo ruoli di consulenti o membri del Consiglio di Amministrazione per società e organizzazioni concorrenti e/o lavorando per un cliente o fornitore di Hangar Design Group, ricevendo in cambio denaro, favori o altri servizi. 

I Dipendenti e i Collaboratori sono altresì tenuti a comunicare preventivamente ai superiori il manifestarsi di situazioni o impieghi, per i quali siano titolari di interessi in conflitto con quelli dell’azienda o dei suoi clienti, e di casi in cui ragioni di convenienza personale assumano rilevanza.

8. Riservatezza, privacy e diritto d’autore

Vi è l’obbligo per Consigli di Amministrazione, Partners, Dipendenti, Collaboratori e Consulenti, di garantire la massima riservatezza riguardo a informazioni o notizie relative all’azienda, ai propri superiori, ai clienti e/o ad altri partners, dipendenti e collaboratori, apprese nello svolgimento delle proprie mansioni in ambiente lavorativo; di rispettare il segreto d’ufficio; di acquisire e utilizzare esclusivamente i dati che sono necessari all’esercizio dei propri compiti con modalità che siano in linea con le procedure e le norme aziendali; di impedire che terzi vengano a conoscenza di tali dati, senza previa autorizzazione; di organizzare documenti aziendali e informazioni in modo ordinato così da consentire ai soggetti abilitati ad averne accesso di trarre un quadro esauriente e accurato.

È, inoltre, fatto divieto assoluto a Consigli di Amministrazione, Partners, Dipendenti, Collaboratori e Consulenti di utilizzare in qualsiasi forma e modalità, a qualsiasi fine, anche personale, opere dell’ingegno e/o materiali protetti dal diritto d’autore, di proprietà intellettuale e/o industriale di Hangar Design Group o di terzi, senza il consenso della società. 

Sono tutelati da riservatezza i piani aziendali, strategici, economici, contabili, gestionali, operativi e commerciali, i progetti, gli investimenti, le informazioni riguardanti il personale, i parametri di prestazione e produttività, gli accordi e i contratti commerciali e societari, il know-how di produzione, sviluppo e commercializzazione di servizi e brevetti, i manuali aziendali, i portfolio, i lavori eseguiti e quelli progettati e non realizzati, le banche dati e i documenti contenuti nel database generale e nei server aziendali.

9. Uso e tutela del patrimonio aziendale

A Dipendenti e Collaboratori è vietato fare uso di beni aziendali o servizi offerti da Hangar Design Group fuori dall’ambiente lavorativo e/o a fini personali, senza previa autorizzazione. Gli stessi sono tenuti a proteggere e impedire il danneggiamento del patrimonio aziendale fisico e materiale (computer, stampanti, attrezzature, autovetture e infrastrutture) e la divulgazione di quello immateriale (informazioni riservate, knowhow, competenze tecniche). L’uso di tali beni deve essere esclusivamente funzionale all’esercizio delle proprie mansioni professionali e/o a finalità autorizzate dai superiori. 

Il presente Codice sancisce, infine, il divieto esteso a Partners, Dipendenti e Collaboratori

di svolgere in orario lavorativo ulteriori mansioni e/o attività che non siano coerenti con

le proprie responsabilità organizzative.

10. Uso dei sistemi informatici

A Dipendenti e Collaboratori è fatto divieto assoluto di manipolare e/o danneggiare i sistemi informatici utilizzati da Hangar Design Group e di modificare dati, documenti e programmi contenuti nei suddetti sistemi. Essi devono impedire l’intercettazione abusiva delle comunicazioni informatiche e non possono accedere a reti e sistemi informatici, senza previa autorizzazione della società o al fine di acquisire e/o alterare dati e documenti; effettuare l’accesso su siti web non conformi alle proprie mansioni, registrarsi su Forum e/o guest book e utilizzare chat e bacheche elettroniche per scopi personali. È, infine, vietato divulgare password e codici di accesso aziendali e riprodurre copie di programmi su licenza per uso professionale e personale.

11. Rapporti tra Consigli di Amministrazione, Partners, Dipendenti, Collaboratori e

Consulenti

I principi di civile convivenza devono guidare i rapporti tra Consigli di Amministrazione,

Partners, Dipendenti, Collaboratori e Consulenti, che devono agire sempre nel rispetto

reciproco dei diritti, della personalità e delle peculiarità di ogni soggetto.

12. Relazione con i Clienti

La relazione con i clienti deve essere sempre leale, trasparente, riservata, cortese e professionale, al fine di rafforzare i rapporti di fiducia con gli stessi e di preservare il buon nome e l’immagine di Hangar Design Group. Partners, Dipendenti e Collaboratori sono tenuti a mantenersi sempre informati e aggiornati per poter fornire al cliente risposte soddisfacenti e competenti e informazioni esaurienti e comprensibili. Gli atti di cortesia nei confronti della clientela devono essere sempre appropriati e misurati, in modo da non favorire malintesi e/o interpretazioni negative che li concepiscano come azioni finalizzate all’acquisizione impropria di vantaggi.

13. Violazioni del Codice Etico, Controlli e Sanzioni

Quanto indicato nel Codice Etico è parte integrante degli obblighi contrattuali assunti da Dipendenti e Collaboratori. 

Pertanto, la violazione dei principi e delle norme ivi contenuti può costituire inadempimento contrattuale e Hangar Design Group ha la facoltà di applicare provvedimenti e sanzioni o procedere alla risoluzione del contratto, nei casi più gravi. Tutte le attività quotidiane possono essere sottoposte a controlli interni e la definizione di un sistema di controllo è compresa tra le responsabilità di ogni livello della struttura aziendale. Ciò significa che tutti i Partners, i Dipendenti e i Collaboratori sono tenuti a garantire il corretto funzionamento di tale sistema di controllo. 

In caso di dolo, furto, omissioni, falsificazioni, alterazioni, uso improprio di informazioni riservate e appropriazione indebita di beni fisici e/o immateriali, accertati, Hangar Design Group intraprenderà azioni legali e provvedimenti disciplinari nei confronti dei soggetti coinvolti.

14. Rappresentatività

La reputazione di Hangar Design Group è un bene immateriale di grande valore, che consente all’Azienda di creare e coltivare rapporti fiduciari con tutti i suoi interlocutori.

Quindi tutte le attività in Azienda devono esser svolte con impegno e rigore professionale. Ciascun collaboratore deve fornire apporti professionali adeguati alle responsabilità assegnate e deve agire in modo da tutelare il prestigio di Hangar Design Group. Pertanto, verranno ritenuti rilevanti anche comportamenti extra-lavorativi particolarmente offensivi per la sensibilità civile, che rendano ragionevolmente difficili i contatti interpersonali nell’ambiente lavorativo.

Ciascun collaboratore è tenuto a contribuire personalmente a mantenere l’ambiente di lavoro rispettoso della sensibilità degli altri. Saranno quindi valutate come consapevole assunzione del rischio di pregiudizio di tali caratteristiche ambientali, nel corso dell’attività lavorativa e nei luoghi di lavoro, le seguenti circostanze:

• prestare servizio sotto gli effetti di sostanze alcoliche o stupefacenti;

• consumare o cedere a qualsiasi titolo sostanze stupefacenti nel corso della

prestazione lavorativa.

15. Tutela della dignità. Molestie sul luogo di lavoro

Hangar Design Group è impegnata a offrire fiducia e pari opportunità di lavoro a tutti, senza distinzioni basate su etnia, religione, opinioni, nazionalità, sesso, condizioni fisiche, età, condizioni sociali, in modo da garantire un trattamento equo e non discriminatorio fondato su criteri di merito e sui valori dell’uguaglianza, tolleranza e rispetto reciproco.

Le funzioni competenti dovranno:

• adottare criteri di merito, di competenza e strettamente professionali per qualunque

decisione relativa ai collaboratori;

• provvedere e selezionare, assumere, formare, retribuire e gestire i collaboratori senza discriminazione alcuna;

• creare un ambiente di lavoro nel quale le caratteristiche personali non siano fonte di discriminazione;

• Hangar Design Group si attende che i collaboratori, ad ogni livello, contribuiscano a

mantenere in Azienda un clima di reciproco rispetto della dignità, dell’onore e della

reputazione di ciascuno;

• Non sono ammessi nell’ambiente di lavoro condotte e comportamenti tali da dar

luogo a molestie sessuali, intendendo come tali:

• la subordinazione di determinazioni di rilevanza per la vita lavorativa del destinatario all’accettazione di favori sessuali;

• le proposte di relazioni interpersonali private, condotte nonostante un espresso o ragionevolmente evidente non gradimento, che abbiano la capacità, in relazione alla

specificità della situazione, di turbare la serenità del destinatario con obiettive

implicazioni sulla sua espressione lavorativa.

16. Uso del tempo e dei beni aziendali di Hangar Design Group

I collaboratori sono tenuti a non intraprendere e coltivare attività, investimenti o interessi che possano pregiudicare l’integrità o il nome di Hangar Design Group ovvero possano concretizzarsi in atti di corruzione, favoritismi, sollecitazioni o qualsiasi altro comportamento collusivo e illegittimo, anche tramite terzi, al fine di procurarsi un vantaggio economico personale o di carriera per sé o per altri. 

Hangar Design Group riconosce e tutela il diritto dei suoi collaboratori a partecipare a investimenti, affari o ad attività diverse da quella svolta dell’Azienda, nei limiti consentiti dalla legge e in conformità agli obblighi derivanti dal rapporto di lavoro con Hangar Design Group. 

In ogni caso, i collaboratori di Hangar Design Group sono tenuti a svolgere le proprie mansioni e/o attività economiche personali e/o familiari eventualmente svolte a latere, in perfetta non concorrenza con gli interessi dell’Azienda e nel pieno rispetto delle norme del Codice. Ogni situazione che possa costituire o determinare un conflitto di interesse deve essere immediatamente comunicata al proprio superiore. 

I dipendenti non possono svolgere, durante il proprio orario lavorativo, altre attività non congruenti con le proprie mansioni e responsabilità organizzative. L’utilizzo dei beni aziendali, quali ad esempio locali, attrezzature, informazioni riservate dell’Azienda non sono consentiti per l’uso e interesse personale di qualunque genere.

17. Utilizzo dei sistemi informatici

I collaboratori sono tenuti a porre in essere un comportamento corretto e trasparente nell’utilizzo di qualsiasi sistema informatico o telematico e ad astenersi da attività che possono: 

• determinare la modifica, la soppressione o la creazione fraudolento di documenti informatici che potrebbero avere valenza probatoria;

• Inoltre, i collaboratori non devono:

• accedere abusivamente a reti e sistemi informatici o telematici al fine di appropriarsi, di modificare o di sopprimere dati, documenti ed informazioni;

• accedere a siti non attinenti allo svolgimento delle mansioni assegnate, a non partecipare, per motivi non professionali a Forum, a non utilizzare chat line/bacheche elettroniche e/o non registrarsi in guest book anche utilizzando pseudonimi (o nickname);

• diffondere la propria password e il proprio codice di accesso;

• riprodurre copie non consentite di programmi su licenza per uso personale, aziendale o a favore di terzi.

• Infine, i collaboratori devono:

• utilizzare sempre e soltanto la propria password e il proprio codice di accesso. Sia il codice identificativo che la password sono strumenti strettamente personali, il cui uso è rimesso alla responsabilità di ciascun utente.

18. Uso di informazioni interne

Il personale di Hangar Design Group, nel normale adempimento delle proprie attività aziendali, può venire a conoscenza, come già descritto nei paragrafi precedenti, di informazioni riservate relative ad Hangar Design Group. L’uso di queste informazioni, per fini personali, privati, di natura economica, non solo costituisce un comportamento moralmente ed eticamente scorretto, ma anche una violazione della normativa vigente e come tale è perseguibile.

19. Gestione e tutela del diritto d’autore

Hangar Design Group sancisce il divieto assoluto in capo ai collaboratori di utilizzare, in qualsiasi forma e/o modo e a qualsiasi scopo, anche per uso personale, opere dell’ingegno e/o materiali protetti dal diritto d’autore, nonché da ogni diritto di proprietà intellettuale e/o industriale (tra cui, a titolo esemplificativo, marchi, disegni e modelli, brevetti per invenzione e modelli di utilità, informazioni segrete), ivi compresi i diritti di immagine e il diritto al nome, senza il consenso dei titolari dei diritti e/o di coloro che ne hanno la legittima disponibilità. 

I collaboratori sono tenuti ad adoperarsi al fine di chiedere il necessario consenso per l’utilizzazione di opere e materiali protetti.

20. Correttezza negli affari

Ciascun collaboratore che intrattenga rapporti d’affari con terzi, deve relazionarsi a loro in modo etico, equo e corretto. Tali principi sono validi per i clienti, i fornitori, i consulenti e i soggetti che svolgono qualsiasi attività direttamente per l’Azienda o per conto di essa.

In modo particolare, la selezione dei fornitori e la formulazione delle condizioni di acquisto di beni e servizi per Hangar Design Group è dettata da valori e parametri di concorrenza, obiettività, correttezza, imparzialità, equità, prezzo, qualità del bene e servizio, garanzie di assistenza e in generale da un’accurata e precisa valutazione dell’offerta.

Nella scelta dei fornitori non sono ammesse pressioni indebite, tali da favorire un fornitore piuttosto che un altro e a minare la credibilità e fiducia che il mercato ripone in Hangar Design Group per quanto riguarda la trasparenza e il rigore nell’applicazione della legge e delle procedure aziendali. Nei rapporti con clienti, fornitori o terzi, non sono ammesse offerte di denaro o regalie tendenti ad ottenere vantaggi reali o apparenti di varia natura (es. economici, favori, raccomandazioni). In ogni caso, atti di cortesia commerciale non devono mai essere compiuti in circostanze tali da poter dare origine a sospetti di illiceità. Qualora il personale si trovasse nella condizione di ricevere informazioni riservate, deve gestirle con la massima riservatezza e confidenzialità per evitare che la Società posso essere accusata di appropriazione e utilizzo indebito ditali informazioni.

Ai collaboratori di Hangar Design Group non è consentito ricevere e utilizzare dati e informazioni riservate comunque ricevute da terzi, salvo che Hangar Design Group abbia sottoscritto un accordo con i terzi stessi per l’utilizzo di tali informazioni.

21. Entrata in vigore

Il Codice Etico entra in vigore a partire dal 15 aprile 2017.

Ogni variazione o integrazione deve essere approvata dal Consiglio di Amministrazione

e annulla e sostituisce, dalla data della sua emissione, tutte le versioni emesse precedentemente. Il Codice Etico non sostituisce le attuali e future procedure aziendali che continuano ad avere efficacia nella misura in cui le stesse non siano in contrasto con lo stesso.

COMPANY POLICY